Drone lavavetri? esiste e lava i grattacieli!

La lettone Aerones ha creato un drone volante per lavare le vetrate capace, secondo l’azienda, di lavorare venti volte più velocemente rispetto agli esseri umani. Il velivolo ha un diametro di circa tre metri e si muove grazie a 12 rotori. A bordo ha tutto il necessario per fare il lavoro: acqua, detergenti, spugne. Più le videocamere per il controllo remoto, una dotazione ordinaria su un drone moderno.

Vola collegato al cavo di alimentazione; una scelta più che sensata, visto che in teoria deve decollare e atterrare intorno a un edificio, non certo fare giri turistici. Il cavo concede la libertà di movimento necessaria e sufficiente per lavare le finestre. Oltre all’alimentazione c’è anche il tubo per l’acqua. Un altro cavo di sicurezza vincola il drone all’edificio, da sopra, per evitare che cada in testa a qualcuno – con i suoi 55 Kg di peso sarebbe senza dubbio una tragedia.

Il video spiega che il drone può arrivare a 350 metri di altezza, che potranno aumentare in futuro, e che ha una capacità di carico pari a 200 Kg – non è chiaro se questo includa le attrezzature già montate. Prestazioni più che adeguate, in ogni caso, al lavoro richiesto.

Come si può vedere dal filmato, il drone è una specie di innaffiatoio volante, ma non si capisce bene quanto siano ben puliti i vetri. In ogni caso è sicuramente un’alternativa molto meno costosa rispetto al lavoro umano, ed è anche più sicura. Idealmente, poi, questo stesso drone potrebbe rivelarsi utile nelle mani dei Vigili del Fuoco.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here