Droni a sostegno dei geometri: la grande innovazione.

Avete presente la classica immagine del geometra di cantiere? dimenticatevela, anzi, trasformatela.

Ad oggi il professionista moderno che misura terreni e aree urbane è ormai diventato un pilota di drone!

Pensate che in Italia, queste macchine volanti si stanno diffondendo così rapidamente che, secondo i dati del Consiglio Nazionale dei Geometri, oltre il 40% dei 100.000 iscritti all’Albo, ha almeno un drone in dotazione, o si appoggia ad un pilota di aeromobili esperto per effettuare monitoraggi e sopralluoghi.

I geometri, con le loro diverse esigenze, sono quindi i protagonisti di un cambiamento significativo che fa emergere la realtà di un paese in grado di abbracciare l’innovazione tecnologica per ottimizzare i propri servizi.

Droni a sostegno dei geometri: diminuiscono i costi e aumenta l’accessibilità

Per molte realtà, l’attività del drone rappresenta una nuova risorsa.

Grazie ai droni è possibile monitorare e riprendere il territorio, le strutture e l’ambiente dall’alto per i rilievi fotogrammetrici e topografici in modo da realizzare delle mappe e rappresentazioni in 3D delle zone osservate.

I geometri affermano che i droni, riducono i tempi di realizzazione di una prestazione, raggiungendo luoghi non facilmente accessibili con i mezzi tradizionali.

L’utilizzo dei droni è la grande innovazione

Il drone ha dato una scossa a nuovi stimoli sul lavoro, aprendo preospettive di attività mai pensate.

I droni sono stati utilizzati per il controllo di frane, ma le possibili applicazioni sono davvero tante, dal rilievo di rpecisione in caso di incidenti stradali e di incendi, per rintracciare persone scomparse, fino al monitoraggio di discariche abusive e fabbricati non accatastati.

I droni hanno un grosso impatto sulla professione, consentendone un’evoluzione.

Alcuni casi in cui il drone è un vero e proprio alleato

Giuseppe Greco, geometra pugliese, ha utilizzato la nuova tecnologia dei droni per effettuare rilevazioni topografiche del tracciato del gasdotto dell’importante progetto internazionale Trans Adriatic Pipeline.

Il geometra ha in attivo ben 200 voli per compiere rilievi di un invaso di un depuratore dell’acquedotto pugliese da ripulire, di fabbricati dell’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato, e del Dolmen di Giovinazzo, monumento dell’età del bronzo.

I Fratelli Frighi, invece, sono geometri di quarta generazione che hanno condotto rilievi din una zona di montagna del Trentino Alto Adige per consentire il possibile allargamento di piste da sci.

In un territorio poco accessibile, sono riusciti a mappare l’area grazie ad un drone.

ENDOR per il monitoraggio ambientale con i droni

La tecnologia del drone, viene sfruttata anche per monitorare e salvaguardare l’ambiente: boschi, laghi, fiumi, paludi, colture, vigneti, spiagge, coste, parchi, ecc…

I droni sono fondamentali per preservare le risorse paesaggistiche ed agricole del nostro paese grazie a sorvoli a varie quote e scatti ad alta risoluzione in grado di catturare lo stato ambientale dei luoghi e permettere un rapido controllo ed eventuale intervento.

droni per il monitoraggio ambientale droni per il monitoraggio ambientale droni per il monitoraggio ambientale

Per maggiori informazioni sul monitoraggio ambientale con i droni, non esitare a contattarmi!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here